Licenziamento collettivo: nel computo dei lavoratori anche le risoluzioni consensuali per rifiuto del trasferimento

La Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con ordinanza 20 luglio 2020, n. 15401, ha stabilito che, ai fini del computo del numero dei lavoratori determinanti per la configurabilità della procedura di licenziamento collettivo, vanno incluse anche le risoluzioni consensuali siglate nell’ambito di un’attività modificativa del rapporto assunta dal datore di lavoro, come nel caso delle risoluzioni consensuali derivanti dalla mancata accettazione di un trasferimento.

logo