Ministro della Salute: le misure per l’ingresso in Italia dall’estero

Sulla  è stata pubblicata la nuova Ordinanza 16 aprile 2021, con la quale il Ministro della Salute ha disposto le seguenti misure per chi fa ingresso in Italia:

  • chi entra da Stati o territori esteri di cui agli elenchi CD ed dell’Allegato 20 del DPCM 2 marzo 2021dal 19 aprile 2021 ha l’obbligo di presentazione al vettore all’atto dell’imbarco della certificazione di essersi sottoposto ad un tampone nelle 48 ore antecedenti all’ingresso;
  • dal 18 aprile 2021 il periodo di sorveglianza sanitaria e di isolamento fiduciario per le persone che hanno soggiornato o transitato, nei 14 giorni precedenti all’ingresso in Italia, in Stati e territori di cui agli elenchi D ed E dell’Allegato 20 del suddetto decreto, è rideterminato in 10 giorni, con l’obbligo di effettuare un tampone al termine dello stesso;
  • chiunque fa ingresso da Stati o territori esteri di cui agli elenchi BCD ed dell’Allegato 20 del DPCM 2 marzo 2021, prima dell’ingresso stesso deve compilare uno specifico modulo di localizzazione in formato digitale, che sostituisce la dichiarazione di cui all’art. 50, comma 1, del predetto decreto, e darne prova al vettore.

Tale Ordinanza produce effetti fino al 30 aprile 2021 e reca altresì misure che regolano l’ingresso in Italia delle persone che nei 14 giorni antecedenti hanno soggiornato o transitato in Brasile.

logo