Giusta causa: reintegra ammessa solo quando la condotta accertata è punita con una sanzione conservativa

La Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con sentenza 17 giugno 2020, n. 11701, ha deciso che, in tema di licenziamento per giusta causa, è ammessa la reintegra del lavoratore licenziato solo quando la condotta accertata è punita con una sanzione conservativa. La valutazione di non proporzionalità della punizione rispetto al fatto contestato comporta nelle altre ipotesi solo l’applicazione della tutela indennitaria forte.

logo