Garante privacy: no al controllo indiscriminato dei lavoratori

Il Garante per la protezione dei dati personali, con provvedimento n. 190 del 13 maggio 2021, ha stabilito che non è possibile monitorare la navigazione internet dei lavoratori in modo indiscriminato. Infatti, indipendentemente da specifici accordi sindacali, le eventuali attività di controllo devono comunque essere sempre svolte nel rispetto dello Statuto dei lavoratori e della normativa sulla privacy.

Nel provvedimento l’Autorità ha rimarcato che l’esigenza di ridurre il rischio di usi impropri della navigazione in internet non può portare al completo annullamento di ogni aspettativa di riservatezza dell’interessato sul luogo di lavoro, anche nei casi in cui il dipendente utilizzi i servizi di rete messi a disposizione del datore di lavoro.

logo