Definite le linee guida per la redazione del piano degli spostamenti casa lavoro

I Ministeri della Transizione Ecologica e delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile – con Decreto del 4 agosto 2021, n. 209 – hanno definito le linee guida da seguire nella redazione del piano degli spostamenti casa lavoro (PSCL).

Le imprese e le pubbliche amministrazioni, con singole unità locali con più di 100 dipendenti ubicate in un capoluogo di Provincia o in un comune con oltre 50.000 abitanti, devono adottare il PSCL entro il 31 dicembre di ciascun anno, al fine di individuare le misure utili per ridurre l’uso individuale del mezzo privato in favore di nuove forme di mobilità sostenibile.

In prima applicazione, la scadenza è il 23 novembre 2021, ma le linee guida diventeranno vincolanti per i PSCL adottati dopo tale data.

In tal senso, le aziende e le pubbliche amministrazioni sono in via preliminare chiamate a effettuare una ricognizione della loro situazione strutturale e ambientale, nonché una campagna di indagine, al fine di proporre misure che effettivamente incentivino i dipendenti a ridurre l’uso dell’automobile privata.

Tali misure costituiscono la parte progettuale del PSCL e sono molto varie, in quanto possono consistere nell’introduzione di un servizio di navetta aziendale o di auto aziendali su prenotazione, in servizi di car pooling, buoni mobilità, così come nell’introduzione di nuove linee di collegamento e convenzioni incentivanti del trasporto pubblico locale, fino a misure finalizzate a ridurre la domanda di mobilità attraverso l’incremento dello smart working e del co-working in sedi vicine alle residenze dei dipendenti. Per rendere tali misure il più efficaci possibili, i datori di lavoro sono altresì chiamati a prevedere incentivi economici, orari flessibili, o comunque confronti sul tema con i dipendenti.

logo