COVID-19: le spese per la consulenza in materia di prevenzione non sono agevolabili

L’Agenzia delle entrate, con risposta a interpello n. 363 del 16 settembre 2020, ha precisato che le spese sostenute per la consulenza in materia di prevenzione e salute sui luoghi di lavoro, per la progettazione degli ambienti di lavoro, l’addestramento e la stesura di protocolli di sicurezza non devono essere considerate ai fini della fruizione dei crediti d’imposta di cui all’articolo 125, Decreto Rilancio.

logo