Legittimità del licenziamento per giusta causa

La Cassazione – con ordinanza 18 ottobre 2021, n. 28626 – ha confermato la legittimità del licenziamento per giusta causa della lavoratrice accusata di falsificazione dell’orario di lavoro: nel caso in specie, la dipendente aveva “segnato” un numero di ore lavorate maggiore rispetto a quelle risultanti dalle rilevazioni interne.

Al riguardo, la Suprema Corte ha chiarito che in sede di legittimità non è più sindacabile la ricostruzione dei fatti: pertanto, non sono più deducibili errori individuati sulla base della mera indicazione delle disposizioni violate.

logo