Lavoratore sostituito da supporto informatico: spetta al datore provare l’inutilità del dipendente

La Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con sentenza 4 aprile 2018, n. 8359, ha ritenuto onere del datore di lavoro provare dettagliatamente in quali termini l’attività del dipendente andrebbe gradualmente a sparire a causa della tecnologia che ha reso, di fatto, inutile l’operato del lavoratore; se tale onere non viene adempiuto, il licenziamento per giustificato motivo oggettivo irrogato è da ritenersi illegittimo.

logo