Garante della Privacy: chiarimenti sulla digitalizzazione dei certificati di esenzione dal vaccino

Il Garante per la protezione dei dati personali – con parere 27 gennaio 2022 – ha ritenuto legittime le disposizioni inerenti alla digitalizzazione delle certificazioni verdi di esenzione dalla vaccinazione anti-Covid-19, per consentire alle persone che per specifici motivi di salute sono state esentate dalla vaccinazione, di non subire le limitazioni previste dal cd. decreto “Riaperture” per la non disponibilità di green pass o super green pass.

In base al Dpcm, il certificato di esenzione dal vaccino riporterà gli stessi dati e avrà lo stesso aspetto del QR code previsto per la certificazione verde, in modo tale che il verificatore non possa distinguere se si tratta di certificazione di esenzione o di certificazione verde per avvenuta vaccinazione o guarigione o esito negativo di test anti Covid-19.

Dalla verifica del QR code si potranno desumere solo informazioni relative all’autenticità, alla validità e all’integrità della certificazione e alle generalità dell’interessato, ma non sulla salute della persona.

logo