Condotte tipizzate dal CCNL e legittimità del licenziamento

La Cassazione – con sentenza del 12 novembre 2021, n. 33811 – ha ribadito che il giudice non è vincolato dalle condotte tipizzate nel CCNL ai fini della valutazione del recesso del datore di lavoro.

Nello specifico, la Suprema Corte ha chiarito che – dopo aver accertato la sussistenza di una causa giustificativa del licenziamento – il giudice è tenuto a valutare concretamente il fatto e la sua proporzionalità rispetto alla sanzione irrogata dal datore di lavoro.

logo