Compensi per attività di lavoro autonomo a soggetti non residenti: ritenuta applicabile

L’Agenzia delle entrate, con risposta a interpello n. 512 dell’11 dicembre 2019, ha precisato che ai compensi per lavoro autonomo professionale corrisposti a soggetti non residenti nel territorio dello Stato deve essere operata una ritenuta a titolo d’imposta del 30%.

Infatti, ciò che rileva ai fini del trattamento tributario – ritenuta a titolo di acconto del 20% o ritenuta a titolo definitivo del 30% – è la circostanza che il soggetto che riceve i compensi sia o meno residente nel territorio dello Stato.

logo