Alla Camera nuove misure in materia di accesso flessibile al trattamento pensionistico

È stato assegnato alla Commissione Lavoro della Camera l’esame della proposta di legge A.C. 2904, contenente misure in materia di accesso flessibile e graduale al trattamento pensionistico. La proposta – si legge nella Relazione di accompagnamento – “si prefigge l’obiettivo di offrire un ventaglio di soluzioni che per molti lavoratori hanno rappresentato o potranno rappresentare quelle opportunità di accesso flessibile al trattamento pensionistico”.

In tale contesto, si interviene innanzitutto sulla “giusta valorizzazione che, anche sotto il profilo previdenziale, il nostro sistema di welfare deve riconoscere alle donne lavoratrici con figli”. Il provvedimento prevede tra l’altro un riconoscimento per le attività familiari e lavorative delle donne, prevedendo la riduzione del requisito anagrafico per l’accesso alla pensione di vecchiaia in favore delle lavoratrici madri in ragione di un anno per ciascun figlio, fino a un massimo di 3 anni.

Si interviene inoltre sulla disciplina che individua le tipologie di lavoratori che possono accedere all’APE sociale e all’anticipazione pensionistica prevista per i lavoratori cosiddetti «precoci», cioè i lavoratori che hanno maturato almeno 12 mesi di contribuzione per periodi di lavoro effettivo precedenti il compimento del diciannovesimo anno di età, prevedendo che tra tali categorie siano compresi anche i lavoratori “fragili”.

logo