Archivio Autore

Emergenza Coronavirus – Modalità di erogazione dei servizi

Gentili Clienti,

a seguito dell’evolversi della situazione di allerta nazionale circa il propagarsi del CoronaVirus e considerate le ultime indicazioni dell’ultimo DPCM, emanato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, nel rispetto di queste e per la tutela e la salvaguardia della salute di ognuno è necessario osservare le seguenti raccomandazioni:

  • per evitare assemblamenti di persone, tenuto conto delle dimensioni e delle caratteristiche dello Studio, gli uffici non saranno accessibili ai clienti sino al 3 aprile 2020, salvo ulteriori proroghe;
  • la consegna dei documenti dovrà avvenire solo ed esclusivamente tramite posta elettronica;
  • le riunioni potranno svolgersi solo ed esclusivamente mediante conference call.

Scusandoci per il disagio, ma certi della Vostra collaborazione e comprensione, porgiamo cordiali saluti.

Azione per determinare l’esatto importo del trattamento di mobilità: prescrizione decennale

La Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con ordinanza 13 gennaio 2020, n. 401, ha stabilito che in materia previdenziale è soggetta a prescrizione decennale l’azione volta a determinare l’esatto importo del trattamento di mobilità. Infatti, il credito relativo a somme che non sono state messe a disposizione dell’avente diritto si considera non liquido e blocca la riduzione dei termini. Nello specifico, il diritto di credito relativo a qualsiasi somma (ivi compresa quella per rivalutazione e interessi, costituente parte integrante del credito base) che non sia stata posta in riscossione si prescrive nel termine di 10 anni, trattandosi di credito non liquido ai sensi e per gli effetti dell’articolo 129, c.p.c..

COVID-19: la Fondazione studi riepiloga come giustificare l’assenza dal lavoro

La Fondazione studi consulenti del lavoro, in un documento del 9 marzo 2020, ha prospettato le soluzioni per giustificare l’assenza dal lavoro, alla luce dei provvedimenti varati nelle ultime settimane dal Governo per fronteggiare l’emergenza coronavirus: a seconda delle necessità del lavoratore e del datore di lavoro e di quanto previsto dal Ccnl applicato, è possibile assentarsi in maniera giustificata.

logo